Onde d’urto

Onde d’urto

Dicembre 11, 2020 0 Di Studio Fisio LG

La terapia con onde d’urto è un trattamento proposto prevalentemente in terapia fisica, medicina dello sport e ortopedia per disturbi muscolo-scheletrici, il gomito del tennista, le tendiniti croniche del ginocchio e la tendinite della cuffia dei rotatori delle spalle, la tendinopatia achillea, dolore ai muscoli ischiocrurali, la fascite plantare e le tendiniti da trauma.

Trattamenti basati sulle onde d’urto sono stati sperimentati anche in ambiti completamente diversi: urologico, cardiologico ecc…

L’efficacia dell’onda d’urto è correlata a due effetti:

  1. l’effetto “cavitazione” (rapida formazione e collasso di bolle di vapore all’interno di un liquido) provocato dalla depressione susseguente l’impulso, che supera le caratteristiche elastiche del tessuto;
  1. effetto diretto dell’impulso sul tessuto nella zona bersaglio e per fenomeni di riflessione, in punti di passaggio tra tessuti molli (tendini, muscoli) e tessuti più compatti (ossa e formazioni calcifica).

La conseguenza di questi due effetti è un aumento della vascolarizzazione nella zona colpita, per la stimolazione da parte degli impulsi sulle fibre nervose simpatiche e sulle membrane cellulari.

Si attiva quindi la secrezione di sostanze endogene che hanno come conseguenza la rimozione dei fattori infiammatori, l’inibizione delle vie del dolore e la stimolazione per la formazione di nuovi vasi (neoangiogenesi).

A livello del tessuto osseo, in caso di fratture recenti, si produce un effetto simile con aumento della vascolarizzazione e conseguente stimolazione osteogenica (formazione di tessuto osseo).

Patologie piu comuni

◦ Tendinite del ginocchio, peritendinite rotulea
◦ Tendinite achillea
◦ Tendinopatie calcifiche e non della spalla (Periartriti)
◦ Stiramenti e Contratture muscolari (Sportivi, Colpi di frusta)
◦ Calcificazioni muscolari (esiti di lesioni traumatiche, ematomi)
◦ Pubalgia
◦ Epicondilite ed Epitrocleite (gomito del tennista, gomito del golfista)
◦ Fascite plantare (Talloniti o Speroni Calcaneari)
◦ Pseudoartrosi (fratture che non guariscono)
◦ Ritardi di consolidazione ossea
◦ Necrosi ossee
◦ Ipertono spastico in esiti di ictus
◦ Ipertono spastico in Paralisi Cerebrale Infantile
◦ Ipertono nel Parkinson
◦ Disfunzione erettile